User Profile

Tommi

tommi@bookwyrm.social

Joined 1 year, 8 months ago

I am lost in tommi.space. I love #romance and I mostly read #fiction, because it is good for my health. I never say no to a good and sufficiently critical #essay, though. #fedi22

  • My Inventaire profile (to exchange books with me, or borrow books from me)
  • @tommi@stream.tommi.space, my main #Fediverse profile

This link opens in a pop-up window

User Activity

avatar for tommi Tommi boosted

Oggi prende il via , il Gruppo Di Lettura di Scambi Festival: all’inizio del mese, lo staff proporrà un libro legato a “squilibrio”, tema della prossima edizione. 📚

A fine mese ci sarà una discussione sul canale Telegram, dove ognuno potrà condividere la propria idea. In conclusione verrà pubblicato un articolo sul nostro Blog! 🖋

Vi diamo appuntamento al 7 febbraio, quando annunceremo il libro del mese: qualche idea su quale sarà? 📖🤓

Seguiteci su @scambi@bookwyrm.social!

https://t.me/squilibristi

Why not socialism? (Hardcover, 2008, Princeton University Press) No rating

This books effectively evolves around the reasons why community is way more important than efficiency.

The arguments in favor of socialism are not presented in an uncompromisingly fashion, but they are thoroughly explored and balanced.

Socialism does not necessarily mean comprehensive central planning of the economy, absence of personal interest, or removal of private pleasures:

fundamentally, Socialism means caring about and caring for one another, regardless of the exploitation of commodities and benefits exchanging.

Se la vita che salvi è la tua (Paperback, Italian language, 2014, Einaudi) 3 stars

Andrea Luna ha trentasette anni, fa l'insegnante, ma non ha una cattedra fissa. Quello che …

Si sente in colpa? chide Walter. Credo di sí. Si sente in cola o si vergogna? Si sente… Oh, ma che differenza fa, Walter? Walter si gratta la guancia. Mia madre faceva la maestra, sa? Prima di annegare. Le ho mai detto che mia madre è annegata? Sí. Ecco, mia madre aveva questa riserva di saggezza, frasi a effetto che usava con i suoi alunni. E con me. E tra le varie c'era il discorso sul perdono. Walter esplode in una risata che si risolve in un attacco di tosse, cerca il fazzoletto in tasca, lo porta alla bocca. Mi scusi, dice. Il fatto è che il discorso sul perdono era il suo preferito. Credo si divertisse più lei a farlo di quanto non le interessasse farci capire cosa diceva. Mail fatto, in ogni caso, è che lei dice vale cose in questo modo trasparente, che era impossibile poi non capire dove volesse andare a parare, non so se mi spiego. E il discorso sul perdono partiva proprio dalla differenza tra vergogna e senso di colpa, perché la vergogna, signore, la vergogna è come dire io sono sbagliato mentre il senso di colpa è come dire ho fatto una cosa sbagliata, ecco qual era il succo del discorso. Andrea annuisce. La vergogna è una pozza di sabbie mobili, ti muovi e t! disperi e non fai altro che affondare. Conosco uno che si è ucciso, per la vergogna. Glielo giuro, signore. Si è sparato con un fucile davanti ai figli, roba da non credere. E se solo avesse pensato che non era vergogna quella che provava, ma senso di colpa, sarebbe bastato dire: ho fatto una cosa sbagliata. Walter si sistema sulla sedia e fa una smorfia, come se la gamba gli facesse male. Tutti faccia- mo cose sbagliate, dice. Ma noi non siamo l'errore. È questo ciò che diceva mia madre, sa? Noi non siamo l’errore, siamo solo quelli che l’hanno commesso. E per lavare via una colpa basta pentirsi, sinceramente. Tace, poi riprende. Dovrebbe dirlo a quell'uomo di cui stiamo parlando. Dovrebbe farglielo sapere, se è un suo amico. Lo farò.

Se la vita che salvi è la tua by  (Page 120)

Se la vita che salvi è la tua (Paperback, Italian language, 2014, Einaudi) 3 stars

Andrea Luna ha trentasette anni, fa l'insegnante, ma non ha una cattedra fissa. Quello che …

La sua risata riempie il cortile. Ti piace Kandinskij? Tu credi in Dio?

Scusa?

Ti ho chiesto se credi in Dio.

Ci credevo.

E adesso?

Andrea strofina le mani sui pantaloni appartenuti a un uomo che in passato ha amato questa donna—è questo quello che pensa.

Credo nella ricerca, dice.

Ossia?

Ossia, non credo sia importante sapere se Dio esiste o no, perché non credo conti la risposta, ma solo la domanda. Ciò che dobbiamo chiederci è se vale la pena vivere la nostra vita in tensione verso Dio, persino partendo dal presupposto che non esista, che sia solo la proiezione di un nostro bisogno. Credo in Dio? No. Ritengo necessario cercarlo? Sí. Ecco cosa penso.

Cacchio.

Che c’è?

Risposta per nulla compiaciuta.

Ti ho stupita?

Mi hai dato da pensare.

Già.

I sono stata animista per un certo periodo, dice Ary.

Il dio delle piante, il dio delle cose.

Il dio del mare, delle nuvole, del seme di sesamo. Quello che vuoi

Non lo sei piú?

A volte. Hai avuto un’educazione religiosa?

Sì.

Ortodossa?

No, non ortodossa. Sincera. Del tipo che con i miei genitori trascorrevo spesso il fine settimana in un monastero, in montagna.

Be’, allora direi qualcosa di piú che sincera.

No, non credere. Per esempio, ricordo che in foresteria, accanto al letto, c’era scritto che come prima cosa, arrivati al monastero, dovevamo riposare. Di non preoccuparci della liturgia delle ore, di non scapicollarci al mattutino.

Di far riposare il corpo. Mi piace pensare alla preghiera quando, attraverso la preghiera, ci si prende cura del corpo. Preferisco l'immanenza alla trascendenza. Se Dio c'è è dentro di me, non credi? Dentro di me e dentro di te.

Qui vicino c'è una chiesa presbiteriana. Quando vedo la gente entrarci, a volte, solo a volte, li invidio. Non ho mai portato Benjamin e Allison a una funzione. Di nessun tipo. Ma parliamo spesso di cose che, secondo me, sono come se stessimo parlando di Dio.

Se la vita che salvi è la tua by  (Page 98)

La morte di Ivan Il’ič (Paperback, Italian language, 2014, Feltrinelli) 5 stars

Understanding how death is

5 stars

I believe the last 20 pages of this book are the closest anyone can get to understanding how dying is without actually dying. When thinking of death, rarely one thinks about what it is truly, deeply, unless they is close to it.

This books is an intense, profound, real exploration of the astonishing thoughts inside the head of a dying man.

I extracted a lot of references and I took a lot of notes (in comparison with my usual standard of no notes at all) on here (in Italian).